Finale provinciale del Premio Scuola Digitale 2019/2020

  • Stampa

Il 25 maggio 2020 alle ore 10.00 in diretta streaming si è svolta la finale provinciale del Premio Scuola Digitale, con il coordinamento dell’IIS “Satta” di Macomer.

Il Premio Scuola Digitale è una iniziativa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che intende promuovere l’eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell’apprendimento e nell’insegnamento, incentivando l’utilizzo delle tecnologie digitali nel curricolo, secondo quanto previsto dal Piano nazionale per la scuola digitale, e favorendo l’interscambio delle esperienze nel settore della didattica innovativa. Il Premio Scuola Digitale prevede una fase provinciale, una successiva fase regionale e, infine, una fase nazionale.

L’istituto comprensivo 1 di Siniscola si è candidato al concorso con il progetto “Il viaggio del pensiero computazionale” che ha coinvolto gli alunni delle classi seconde e quinte della scuola primaria e seconde e terze della scuola secondaria di primo grado, nell’ambito del progetto PON -FSE 10.2.2A- -SA-2018-96.

La giuria tecnica, presieduta dal Sindaco di Nuoro Avv. Andrea Soddu, composta dal funzionario dell’Ufficio Scolastico Provinciale Dr. Giuseppe Zidda e dalla docente Costantina Cossu, esperta in Tecnologie e Didattica digitale, ha valutato i progetti presentati dagli istituti partecipanti del primo e del secondo ciclo di istruzione utilizzando i criteri del valore e della qualità del contenuto digitale e tecnologico presentato,  della significatività dell’impatto prodotto sulle competenze degli studenti e dell’integrazione nel curricolo della scuola.

Il progetto dell’Istituto Comprensivo 1 di Siniscola, presentato in diretta streaming dallo studente Valerio Romagnoli, si è aggiudicato il primo premio consistente in un riconoscimento economico e nella partecipazione alla finale regionale del Premio Scuola Digitale.

Alla realizzazione del progetto hanno collaborato attivamente gli alunni dell’istituto e i docenti Samantha Brau, Manuela Mele, Arianna Tola, Renato Muglia e l’esperto Antonio Serra.